See other templatesvoui vendere casa?

Cosa vuoi Cercare?

Le categorie catastali

Le categorie catastali sono l'indice ufficiale utilizzato in Italia di riferimento per classificare i beni immobili, e determinarne le rendite.

Furono introdotte con il regio decreto legge 13 aprile 1939 n. 652, che riformò la disciplina relativa al catasto istituendo il catasto dei fabbricati, alla base del Nuovo Catasto Edilizio Urbano.

Di seguito si riporta l'elenco delle categorie catastali.

 

Immobili a destinazione ordinaria

GRUPPO A

  • A/1 Abitazione di tipo signorile. Sono abitazioni un tempo nobiliari, con particolari rifiniture pregiate anche a carattere storico. 
  • A/2 Abitazione di tipo civile. Sono le normali abitazioni, con rifiniture semplici di impianti e servizi. 
  • A/3 Abitazioni di tipo economico. Fabbricati realizzati con caratteristiche e rifiniture economiche sia nei materiali utilizzati che per gli impianti tecnologici ma principalmente di dimensioni contenuti rispetto alla al territorio di cui fanno parte. 
  • A/4 Abitazioni di tipo popolari. Abitazioni molto modeste, nelle rifiniture, nei materiali di costruzione e con impianti limitati. 
  • A/5 Abitazioni di tipo ultrapopolare. Abitazione facenti parte di fabbricati di basso livello, privi di impianti, servizi igienici. Questa categoria è ormai in disuso, è presente solo su vecchi classamenti del catasto. 
  • A/6 Abitazione di tipo rurale. Abitazione a servizio delle attività agricole, ci cui alle caratteristiche del Decreto N° 701 del 1994 del Ministero delle Finanze . 
  • A/7 Abitazione in villini. Sono abitazioni con un minimo di verde o cortile privato o comune, possono essere sia singole, che a schiera oppure a piani. 
  • A/8 Abitazione in villa. Abitazione di pregio con rifiniture di alto livello con grandi giardini o parchi a servizio esclusivo. 
  • A/9 Castelli, palazzi di eminenti pregi artistici o storici. Antiche strutture con importanti riferimenti storici. 
  • A/10 Uffici e studi privati. Unità immobiliari destinati ad attività professionali. 
  • A/11 Abitazioni o alloggi tipici dei luoghi. Sono case tipiche che per la loro forma e struttura individuano il luogo dove si trovano, ricordiamo i trulli, i sassi o i rifugi di montagna. 

GRUPPO B

  • B/1 Collegi e convitti, educandati, ricoveri, orfanotrofi, ospizi, conventi, seminari, caserme. Strutture destinate all'assistenza dei disagiati, dei religiosi o caserme dello Stato. 
  • B/2 Case di cura e ospedali senza fine di lucroStrutture per l'assistenza agli ammalati che non hanno fini economici.
  • B/3 Prigioni e riformatori. Strutture costruiti e destinate alla reclusione degli evasori della Legge.
  • B/4 Uffici Pubblici. Strutture costruiti o adattati per sedi di UfficiPubblici. 
  • B/5 Scuole e laboratori scientifici. Strutture costruiti e destinati all'istruzione e alla ricerca scientifica. 
  • B/6B Biblioteche, pinacoteche, musei, gallerie, accademie che non hanno sede in edifici della categoria A/9. Circoli ricreativi e culturali, ed attività similari se non hanno fine di lucro. Sedi culturali che non hanno scopi economici e non sono già in palazzi storici. 
  • B/7 Cappelle ed oratori non destinati all’esercizio pubblico del culto. Strutture destinate all'esercizio della religione. 
  • B/8 Magazzini sotterranei per depositi di derrate. Magazzini che hanno lo scopo di deposito di scorte. 

GRUPPO C

  • C/1 Negozi e BottegheLocali per attività commerciale per vendita o rivendita di prodotti. 
  • C/2 Magazzini e locali di DepositoLocali utilizzati per il deposito di merci, locali di sgombero, sottotetti. 
  • C/3 Laboratori per arti e mestieri. Locali destinati all'esercizio della professione di artigiano per servizi, realizzazione o trasformazioni dei prodotti. 
  • C/4 Fabbricati e locali per esercizi sportivi (senza fine di lucro) Strutture destinate all'esercizio delle attività sportive private. 
  • C/5 Stabilimenti balneari e di acque curative (senza fine di lucro). Stabilimenti e strutture balneari privati. 
  • C/6 Stalle, scuderie, rimesse, autorimesse. Garage, box auto o posti macchina, stalle e scuderie.
  • C/7 Tettoie chiuse od aperte. Strutture destinate a tettoia o gazebo.

 

Immobili a destinazione speciale o particolare

GRUPPO D

  • D/1 Opifici.Capannone, fabbrica, struttura dove viene lavorata e trasformata la materia prima.
  • D/2 Alberghi e pensioni (con fine di lucro).Strutture ricettive a pagamento.
  • D/3 Teatri, cinematografi, sale per concerti e spettacoli e simili (con fine di lucro).Lodali destinati all'esibizione artistica aventi ingresso a pagamento.
  • D/4 Case di cura ed ospedali (con fine di lucro)Ospedali, cliniche e case di cura private.
  • D/5 Istituto di credito, cambio e assicurazione (con fine di lucro).Banche, assicurazioni e istituti di credito privati.
  • D/6 Fabbricati e locali per esercizi sportivi (con fine di lucro).Unità destinate ad attività sportive privati a pagamento, club sportivi, campetti, piscine ecc.
  • D/7 Fabbricati costruiti o adattati per le speciali esigenze di un’attività industriale e non suscettibili di destinazione diversa senza radicali trasformazioni.Sono quelle strutture costruiti specificatamente per quel tipo di attività a cui sono destinati. Un esempio esplicativo sono i rifornimenti di carburante
  • D/8 Fabbricati costruiti o adattati per le speciali esigenze di un’attività commerciale e non suscettibili di destinazione diversa senza radicali trasformazioni.Grandi negozi, centri commerciali.
  • D/9 Edifici galleggianti o sospesi assicurati a punti fissi del suolo, ponti privati soggetti a pedaggio.Edifici che non hanno un suolo proprio.
  • D/10 Fabbricati per funzioni produttive connesse alle attività agricole.Sarebbero la categoria a cui devono accatastarsi i vecchi fabbricati rurali. 

Immobili a destinazione particolare

GRUPPO E 

  • E/1 Stazioni per servizi di trasporto, terrestri, marittimi ed aerei. Stazioni ferroviarie, porti, aeroporti.
  • E/2 Ponti comunali e provinciali soggetti a pedaggio. Ponti pubblici con passaggio a pagamento. 
  • E/3 Costruzioni e fabbricati per speciali esigenze pubbliche.
  • E/4 Recinti chiusi per speciali esigenze pubbliche.
  • E/5 Fabbricati costituenti fortificazioni e loro dipendenze.
  • E/6 Fari, semafori, torri per rendere d’uso pubblico l’orologio comunale.
  • E/7 Fabbricati destinati all’esercizio pubblico dei culti.Chiese, cattedrali ecc.
  • E/8 Fabbricati e costruzioni nei cimiteri, esclusi i colombari, i sepolcri e le tombe di famiglia.
  • E/9 Edifici a destinazione particolare non compresi nelle categorie precedenti del gruppo E.Tutto quello di categoria E che non è stato possibile inserire nelle categorie precedenti, può essere inserito in questa. 

Entità urbane

GRUPPO F 

  • F/1 Area urbana. Aree o corti a piano terra di fabbricati già accatastati all'urbano.
  • F/2 Unità collabenti. fabbricati diruti, con tetto crollato e inutilizzabili. 
  • F/3 Unità in corso di costruzione. Unità che non sono state ancora ultimate. 
  • F/4 Unità in corso di definizione. Unità incomplete non definite nella consistenza e nella destinazione d'uso.
  • F/5 Lastrico solare. Terrazze e aree libere sopra unità immobiliari preesistenti.

 

Dizionario immobiliare

dizionarioIl dizionario per le pratiche immobiliari, con chiare spiegazioni.

Leggi...

Contratti di affitto

Ultimate Browsers SupportL'elenco delle tipologie dei contratti di affitto, con le normative di legge vigenti.

Leggi...

Indice Catastale

Docs and Supportl'indice ufficiale di riferimento per classificare i beni immobili.

Leggi...

Acquisto sicuro

Native RTL SupportConsigli per acquistare la vostra proprietà con tranquillità.

Leggi...

Go to top

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo